30 giugno 2006

Mi ricordo lo "struscio"

Molti si meraviglieranno, lo so, e mi considereranno un romantico di altri tempi, un ferrovecchio arrugginito che non ha saputo cogliere le belle novità dei giorni nostri. E forse è anche vero, giacché il mio ricordo più bello è l’immagine di mia moglie Raffaella, quando la vidi la prima volta. Successe nell’estate del 1965, ero sotto le armi e ero tornato a casa, a Lucca, per trascorrervi una licenza. Come in tutte le città, anche nella mia c’è una strada, la più bella e la più importante, dove la gente si reca, non appena si avvicina la sera, a passeggiare. Questo passeggio ha preso il nome, un po’ dovunque, di “struscio”, perché ci sono sempre due file che si toccano quasi, una che va in una direzione e l’altra in quella contraria. È una consuetudine che rende viva e sempre giovane la città. Forse non finirà mai. Ebbene, anch’io praticavo lo struscio, ed uno di quei giorni, all’inizio della bella via Fillungo, proprio davanti al negozio di fiori, che ora non c’è più, incorniciata dai suoi profumi e colori, vidi quella che sarebbe diventata mia moglie. Fui colpito dal suo volto delicato, dalla sua espressione sorridente, dai suoi capelli a treccia che le cadevano sulle spalle, dalla sua figura sottile e slanciata. Fu il colpo di fulmine. Mi domandai se una ragazza così bella potesse mai essere destinata a me, diventare la compagna della mia vita. Il cuore trepidava, colpito da quell’immagine, e la mente era in subbuglio per questa speranza che mi pareva così lontana. Invece il destino aveva già scelto per me, senza che lo sapessi. Infatti, stavo passeggiando in compagnia di una ragazza che viveva nello stesso paese della giovane sconosciuta. Si accorse dello sguardo che le avevo gettato e forse si avvide del sùbito innamoramento. “Si chiama Raffaella” – mi disse – La vorresti conoscere?” Fu abile e gentile e combinò un appuntamento, che avvenne in piazza San Michele, davanti alla vetrina di un negozio. Avevo messo un maglione giallo, che – mi disse poi Raffaella – l’aveva colpita, e l’avevano colpita le mie spalle e soprattutto il mio sorriso. Le piacqui subito – mi confessò poi -, ma io me ne ero già accorto quando, vedendomi per la prima volta, la vidi sorridermi. Ci scrivemmo spesso finché non tornai a casa al termine della leva. Ci fidanzammo il Sabato Santo del 1966 e principiò da quel giorno, con un amore mai interrotto, la nostra avventura. Ci sposammo il 5 settembre 1970. Raffaella è ancora – sebbene gli anni comincino a solcarle il viso – la ragazza spensierata, allegra e bella di quel primo incontro. Non potrei vivere senza di lei. Il 13 marzo e il 28 marzo del 1988 le dedicai due poesie: “Tu mi rimproveri” e “Mi giri attorno”, che potete trovare qui: http://xoomer.alice.it/badimona/poesie.htm. (Ricordo di Bartolomeo Di Monaco - www.vibrissebollettino.net/archives/2006/01/tutte_le_lettur.html)

8 Comments:

Anonymous Pannonica said...

Ma perché quando si parla di sentimenti, ognuno di noi si sente in dovere di scusarsene?
Più che un ferrovecchio arruginito o un romantico d'altri tempi, tu mi sembri un temerario, o una perla rara, a seconda...
Questo non è banale sentimentalismo, ma Sentimento, oltre che un bellissimo ricordo. Non credo tu debba spiegazioni a nessuno.
Un saluto.
Nica

12:14 PM  
Anonymous barbara said...

lo struscio è istituzione buona e giusta, e il ricordo del primo incontro non può non suscitare simili sentimenti in chi l'ha vissuto. Beati coloro che fissano nella memoria innanzitutto la spontaneità e magia del primo incontro e non il ricordo artificioso del matrimonio, le emozioni intime e inattese e non le messe in scena sociali e pianificate(almeno, questo è il mio parere).

10:10 AM  
Blogger yzmaladolce said...

è un bell'amore il tuo :)

4:05 PM  
Blogger melpunk said...

devo qui pubblicament complmentarmi con bartolomeo
mel

7:35 PM  
Blogger Bartolomeo Di Monaco said...

Grazie a tutti voi.

Bart

12:26 AM  
Anonymous Anonimo said...

Top Online Casino tyuueooru
http://stonewalljacksoncarnival.org/ - Casino Game Online
You can enjoy online casino simply by getting connected to the Internet.
[url=http://stonewalljacksoncarnival.org/]Online Casinos[/url]
It?s obviously due the comfort and easiness arriving with the online casino that many people, at present, are choosing to stick with online casino rather the traditional land-based casinos.
Download Casino
Additionally, you don?t have to stand out of your casino till the clock hits its opening time because a majority of online casinos are accessible 24/7.

8:47 PM  
Anonymous Anonimo said...

free ebook codependent no more http://audiobookscollection.co.uk/fr/Anne-Mccaffrey/m8172/ adult ebook downloads [url=http://audiobookscollection.co.uk/es/The-Lie-of-the-Land-Migrant-Workers-and-the-California-Landscape/p222086/]apache axis2 ebook[/url] ebook 8085 processor

4:55 PM  
Anonymous Anonimo said...

[url=http://certifiedpharmacy.co.uk/products/flagyl-er.htm][img]http://onlinemedistore.com/10.jpg[/img][/url]
online pharmacy paramedics http://certifiedpharmacy.co.uk/products/vasotec.htm internet pharmacy bulletin boards [url=http://certifiedpharmacy.co.uk/products/precose.htm]walmart online pharmacy[/url]
dog health care pharmacy http://certifiedpharmacy.co.uk/categories/anti-allergic-asthma.htm fort meyers pharmacy [url=http://certifiedpharmacy.co.uk/products/fosamax.htm]fosamax[/url]
access courses for pharmacy in london http://certifiedpharmacy.co.uk/products/trimox.htm pamida pharmacy [url=http://certifiedpharmacy.co.uk/products/suhagra.htm]pharmacy delivery jobs[/url]
pharmacy job offer http://certifiedpharmacy.co.uk/catalogue/m.htm pharmacy target [url=http://certifiedpharmacy.co.uk/products/periactin.htm]periactin[/url]

9:15 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home